Chiama Ora + 39 0721 30428
Back 

Igiene Orale

L'Igiene Orale Può Aiutare Non Solo Denti e Gengive
07-nov-2011
Di Susan Gilbert

Pubblicato: 5 Agosto 2003


La vostra salute dentale può essere un segno non solo di quanto diligentemente si usi spazzolino e filo interdentale, ma anche del vostro rischio di ictus e malattie cardiache.

Una serie di studi hanno indicato una relazione tra la malattia parodontale ed un elevato rischio di sviluppare problemi al sistema cardiovascolare. Ma confermare quei sospetti si è rivelato difficile. Ora un nuovo studio ha fornito quello che molti esperti chiamano una prova più solida.

Lo studio ha trovato che gli adulti più anziani che avevano perso da 10 a 19 denti avevano più probabilita’, di quelli che avevano perso meno denti, di avere un fattore di rischio piu’ elevato di ictus - ostruzione delle principali arterie del cervello.

La teoria principale per il collegamento tra i denti e le arterie è che la malattia parodontale, un'infezione batterica delle gengive, può iniziare una cascata di eventi chimici che causano infiammazione in tutto il corpo.

L'infiammazione cronica delle arterie è ritenuta contribuire alla aterosclerosi, un restringimento dei vasi sanguigni che puo’ portare a ictus od infarto cardiaco.

'L'ipotesi di fondo è che l'infiammazione cronica contribuisce alla malattia coronarica ", ha detto il Dott. Ann Bolger, un professore associato di medicina presso l'Università di California a San Francisco e portavoce della American Heart Association, che sta pubblicando il nuovo studio nel numero di settembre di Stroke.

Il nuovo studio ha seguito 711 persone di età compresa tra 57 e 75 anni che non avevano storia di ictus od infarto cardiaco. I ricercatori hanno controllato le loro arterie carotidi, i vasi sanguigni principali su entrambi i lati del collo, alla ricerca di aterosclerosi ed hanno esaminato i denti e le gengive.

I ricercatori hanno cercato i segni di malattia parodontale come la placca sui denti e tasche tra i denti e le gengive. Essi hanno inoltre contato il numero di denti che ogni persona aveva e considerato la perdita di denti essere un indicatore di malattia parodontale pregressa.

"Le persone perdono i denti a causa di carie e malattia parodontale", ha detto il dottor Panos N. Papapanou, direttore della divisione di Parodontologia presso la Columbia University School of Dental Surgery, uno dei ricercatori dello studio. "La teoria è che più si è anziani, più denti vengono persi per motivi parodontali."

Lo studio ha trovato che le persone con piu’ denti mancanti hanno avuto la malattia parodontale più grave, ma i denti mancanti correlano con placche carotidee solo sino a un certo punto.

La prevalenza delle placche carotidee era più bassa - 44 per cento, in media - tra le persone a cui mancavano 9 o meno denti. Al contrario, la prevalenza delle placche carotidee è stata del 61 per cento, in media, tra le persone a cui mancavano 10 a 19 denti. Ma la prevalenza è stata del 57 per cento tra le persone con 20-31 denti mancanti.

Il dr. Moise Desvarieux, l'autore principale dello studio, ha detto che non sapeva perché l'incidenza delle placche carotidee si stabilizzava in persone che avevano perso 20 o più denti.

"Se sono rimasti pochissimi denti, può essere che la perdita dei denti non sia legata alla malattia parodontale, ma a qualcosa di diverso", ha detto il dottor Desvarieux, professore di epidemiologia e medicina presso l'Università del Minnesota.

Una delle difficoltà nello studiare la relazione tra la malattia parodontale e la malattia coronarica è che le due condizioni condividono molti fattori di rischio, come il fumo, il diabete e la pressione alta.

Una domanda senza risposta è se questi altri fattori di rischio rappresentano la maggior parte o tutte le associazioni precedentemente viste tra le malattie gengivali e la malattia coronarica. Ma nel nuovo studio, che controlla questi fattori di rischio, si rileva ancora che la placca carotidea era più comune nelle persone che avevano perso da 10 a 19 denti.

Una debolezza di questo studio è che esso non ha trovato una correlazione tra la malattia parodontale stessa e l'incidenza della placca carotidea, ha detto il dottor J. Kaumudi Joshipura, professore associato di politica della salute orale ed epidemiologia presso la Harvard School of Dental Medicine.

"Non è chiaro che cosa fare del fatto che la perdita dei denti è stata associata con placche carotidee e la malattia parodontale non lo è stato", ha detto il dottor Joshipura che ha pubblicato uno studio nel mese di gennaio mostrando una associazione tra la perdita dei denti, la malattia parodontale e ictus in 41.380 uomini che hanno partecipato al progetto di studio coinvolgente professionisti della salute, un progetto di ricerca sanitaria continua.

Nessuna ricerca ha potuto provare che la malattia parodontale o la perdita di denti provocano ictus, malattie cardiache o aterosclerosi. Ma il dr. Desvarieux ed i suoi colleghi continueranno a seguire le persone nel loro studio nel corso dei prossimi tre anni per vedere se riescono a trovare un rapporto di causa-effetto.

"Metteremo a confronto le persone con una incidenza maggiore rispetto a quelle con incidenza minore e controlleremo la progressione dello spessore dell'arteria carotide e l'incidenza di infarti ed ictus", ha detto il dr. Desvarieux. "Studieremo la microbiologia e l'infiammazione a livello locale e nel sangue."

Una sostanza chimica importante che cercheranno nel sangue è la proteina C-reattiva, un sottoprodotto della infiammazione, che a livelli elevati indica un aumento del rischio di infarto.

L'obiettivo a lungo termine è quello di vedere se le persone possono proteggere i loro cuori ed i loro cervelli prendendosi cura dei loro denti.

"Uno dei vantaggi nel considerare le infezioni gengivali è che sono prevenibili e curabili", ha detto il dottor Desvarieux.

Il Dr. Rossini e’ il primo ed il solo clinico abilitato nella Terapia Laser LANAP in Europa. Il Laser LANAP gli consente di trattare la malattia parodontale da moderata a severa senza l’ uso di bisturi e suture. I pazienti sono in grado di ritornare al lavoro lo stesso giorno e la maggior parte riferiscono dolore minimo o nullo.

Il Trattamento Laser Gengivale Che Puo’ “VAPORIZZARE” La Malattia Parodontale!

Se hai gengive sanguinanti, c’e’ una nuova terapia laser che puo’ trattare la malattia parodontale senza incisioni o suture!

Chi Siamo

Preparazione medica ed attenzione alle esigenze dei pazienti: sono i principi che guidano il nostro studio sin dal 1995. Una grande cura - sia dal punto di vista medico che umano - per trovare soluzioni di prevenzione e terapia sempre su misura.

Il Nostro Studio

Il Medico

CHIEDI AL MEDICO

Contattaci!

Dr. Fabio Rossini
Viale Vanzolini, 24
61121 Pesaro, Italy

Orari Studio

Lunedi:  8:30-19:00
Martedi: 8:30-19:00
Mercoledi: 8:30-19:00
Giovedi: 8:30-19:00
Venerdi: 8:30-19:00

Autorizzo il trattamento dei dati
personali secondo il D.Lgs 196/2003