Chiama Ora + 39 0721 30428
Back 

Malattia Parodontale in Gravidanza

Malattia Parodontale in Gravidanza Collegata a Neonati Prematuri di Basso Peso


07-nov-2011
Di Jane E. Brody

Pubblicato: 9 ottobre 1966


Anche se può sembrare improbabile l’ infezione alle gengive di una donna incinta può portare ad un aumento di sette volte del rischio di avere un bambino prematuro di basso peso alla nascita, secondo i risultati pubblicati ieri sul Journal of Periodontology.

Lo studio suggerisce che la malattia parodontale non trattata può essere responsabile di una grande quota di nascite premature per le quali altra spiegazione non può essere trovata.

Il team di ricerca di parodontologi, ostetrico-ginecologi ed epidemiologi ha sottolineato che i loro risultati, sulla base di un'analisi dettagliata di 124 nascite, erano preliminari e aveva bisogno di essere confermato da "piu’ ampie indagini prospettiche e multicentriche." Ciò nonostante, hanno stimato dai loro risultati che l'infezione parodontale potrebbe essere responsabile di ben il 18 per cento dei 250.000 bambini prematuri che nascono ogni anno negli Stati Uniti di peso inferiore ai 2,5 Kg.

I ricercatori sostengono che se tali nascite potessero essere evitate con una corretta cura parodontale e trattamento della malattia gengivale in donne in età fertile, il numero totale di nascite premature potrebbe essere ridott di circa 45.500 unita’ ogni anno; un risparmio di quasi 1 miliardo di dollari in terapia intensiva neonatale.

Dr. Steven Offenbacher, l'autore principale del nuovo rapporto, ha detto in un'intervista: "Una visita prenatale da un parodontologo è una cosa ragionevole da fare a questo punto. Qualsiasi infezione in donne in gravidanza dovrebbe essere una preoccupazione. Quando si soffre di malattia parodontale anche mangiare una mela o lavarsi i denti può rilasciare dei batteri e le loro tossine nel sangue. "

Uno studio inedito condotto una decina di anni fa alla Clinica Odontoiatrica Forsyth dell'Università di Harvard ha trovato una relazione analoga tra la malattia parodontale e le nascite pretermine, ha detto il dottor James McGregor, professore di Ostetricia e Ginecologia presso l'Università del Colorado a Denver.

"Questo nuovo studio è assolutamente affascinante," ha detto il Dott. McGregor. "E va di pari passo con i risultati che altre infezioni - infezioni del tratto urinario e polmonite, per esempio - aumentano il rischio di parto pretermine. E abbiamo dimostrato che è possibile ridurre le nascite pretermine del 50 per cento se si trattano infezioni comuni del tratto riproduttivo, come vaginosi batterica ed infezioni da clamidia. "

Nel rapporto pubblicato di recente, il dottor Offenbacher ed i suoi colleghi presso l'Università del North Carolina e Meharry Medical College di Nashville hanno spiegato come un'infezione in bocca potrebbe interferire con lo sviluppo di un bambino e portare a parto prematuro. Essi hanno rilevato che altri tipi di infezioni batteriche in donne in gravidanza che erano stati collegate a parti prematuri non hanno comportato necessariamente delle infezioni del feto o placenta.

Piuttosto che attaccare direttamente il feto, i batteri sembrano ritardare la crescita del feto attraverso il rilascio di tossine nel sangue della donna che raggiungono la placenta e di interferire con lo sviluppo fetale. Inoltre l'infezione stimola il corpo della donna a produrre sostanze infiammatorie simili a quelle usate per indurre l'aborto, che possono causare la cervice a dilatarsi ed a far partire le contrazioni uterine.

Dr. Offenbacher, professore di parodontologia presso l'Università del North Carolina School of Dentistry a Chapel Hill, ha osservato, che negli studi di criceti in gravidanza, infezioni localizzate sul dorso dell'animale con il batterio Porphyromonas gingivalis, un organismo comunemente associati con la malattia parodontale, ritardano la crescita fetale e riducono il peso fetale fino al 25 per cento.

Un co-autore, il dottor Vern Katz, un ostetrico specializzato in medicina materno-fetale del Sacro Cuore Medical Center a Eugene, Oregon, ha detto, "Stiamo scoprendo sempre più che le sostanze chimiche rilasciate in risposta alle infezioni possono portare a cambiamenti nella tempistica della nascita e di rottura prematura delle membrane", determinando un traveglio e parto anticipato.

Ma l'infezione diretta dei tessuti della gravidanza può anche essere coinvolta, ha detto il dottor Robert Goldenberg, direttore di Ostetricia e Ginecologia presso l'Università di Alabama a Birmingham. "E 'chiaro a molti di noi che la maggior parte delle nascite pretermine, specialmente quelle che si verificano prima delle 32 settimane di gravidanza, sembrano essere legate ad infezioni nella madre", ha detto il Dr. Goldenberg. "E se si guarda con attenzione, si possono effettivamente trovare gli organismi nella placenta, nella membrana corionica o nel liquido amniotico."

Le partecipanti all’ attuale studio erano donne che avevano ricevuto cure prenatali presso gli Ospedali della University of North Carolina. I ricercatori hanno valutato l'entità della malattia parodontale in 93 donne che avevano partorito neonati prematuri di basso peso alla nascita e un gruppo comparabile di 31 donne che hanno dato alla luce bambini di peso normale. Senza conoscere l'esito delle gravidanze delle donne, i parodontologi hanno esaminato sei siti per dente nella bocca di ogni donna per determinare in quale misura la malattia parodontale era progredita.

Le donne che avevano avuto neonati prematuri di basso peso sono state trovate ad avere la malattia parodontale significativamente piu’ avanzata di quelle i cui bambini sono nati a termine con un peso normale.

Detto tutto cio’, i ricercatori hanno concluso, dopo aver considerato altre possibili cause di prematurità, che il rischio di avere un bambino prematuro di basso peso alla nascita era di almeno 7,5 volte più elevato per le donne con grave malattia parodontale rispetto alle donne con livelli inferiori di infezione parodontale.

Dr. James Beck, un epidemiologo orale del team di ricerca, ha detto: "L'estensione della malattia in queste madri era decisamente peggiore se paragonato con lo stato di salute parodontale della generica popolazione di donne in età fertile."

Dr. Roberto Romero, capo della ricerca perinatale per l'Istituto Nazionale della Salute dei bambini e dello Sviluppo Umano, ha detto che se la malattia parodontale ha aumentato il rischio di prematurità di sette volte, “potrebbe essere uno dei più importanti fattori di rischio identificabili di parto pretermine", il che, ha detto, si verifica nel 5% di gravidanze e costa al paese 5,7 miliardi di dollari l'anno.

Dr. Romero ha detto che il nuovo studio è stato importante perché ha mostrato che l'infezione “lontana” dal tratto genitale potrebbe aumentare in modo significativo il rischio di parto prematuro e perché l'infezione coinvolta e’ sia identificabile che curabile.

Per essere sicuri che non ci fosse altra spiegazione ovvia per i loro risultati i ricercatori hanno preso in considerazione nella loro analisi ogni causa concorrente di parto prematuro tra cui il fumo, uso di alcool e droghe illecite, la mancanza di cure prenatali, basso status socio-economico, precedenti episodi di nascita prematura e la presenza di altre infezioni o malattie.

Non hanno scoperto nessun altro motivo per spiegare il rapporto che avevano trovato fra grave infezione parodontale e nascita prematura con basso peso, anche se il dottor Offenbacher ha detto che potrebbe anche essere possibile che la malattia parodontale sia solo un marker per qualche altro fattore che è la causa diretta. Hanno tuttavia trovato che l'estensione della malattia parodontale è fortemente legata ad un precedente parto prematuro a basso peso ed a parto prematuro nella gravidanza in corso.

Il dr. Beck, anche lui alla University of North Carolina School of Dentistry, ha detto che al gruppo piacerebbe prossimamente condurre uno studio più ampio ed esaminare se il trattamento della malattia parodontale potrebbe ridurre il numero di nascite premature.

"L'attuale studio ha rivelato una associazione che sembra essere vera, ma non è una associazione utile a meno che non siamo in grado di intervenire per migliorare l'esito delle gravidanze delle donne", ha detto.

La malattia parodontale può spesso essere prevenuta con l’ uso regolare del filo interdentale, una accurata pulizia dei denti dal dentista, parodontologo o igienista dentale. Per combattere e bloccare l'infezione parodontale, ha detto il Dr. Offenbacher, il parodontologo deve ben pulire le tasche formatesi tra denti e gengive e talvolta deve rimuovere il tessuto gengivale infetto. Il trattamento con un antibiotico come l’Augmentin può anche essere considerato. Se non trattata per anni, l'infezione parodontale erode progressivamente le ossa della mascella e fa sì che i denti diventino mobili e possano cadere.


Clicca qui per vedere l'articolo originale.

Il Dr. Rossini e’ il primo ed il solo clinico abilitato nella Terapia Laser LANAP in Europa. Il Laser LANAP gli consente di trattare la malattia parodontale da moderata a severa senza l’ uso di bisturi e suture. I pazienti sono in grado di ritornare al lavoro lo stesso giorno e la maggior parte riferiscono dolore minimo o nullo.

Il Trattamento Laser Gengivale Che Puo’ “VAPORIZZARE” La Malattia Parodontale!

Se hai gengive sanguinanti, c’e’ una nuova terapia laser che puo’ trattare la malattia parodontale senza incisioni o suture!

Chi Siamo

Preparazione medica ed attenzione alle esigenze dei pazienti: sono i principi che guidano il nostro studio sin dal 1995. Una grande cura - sia dal punto di vista medico che umano - per trovare soluzioni di prevenzione e terapia sempre su misura.

Il Nostro Studio

Il Medico

CHIEDI AL MEDICO

Contattaci!

Dr. Fabio Rossini
Viale Vanzolini, 24
61121 Pesaro, Italy

Orari Studio

Lunedi:  8:30-19:00
Martedi: 8:30-19:00
Mercoledi: 8:30-19:00
Giovedi: 8:30-19:00
Venerdi: 8:30-19:00

Autorizzo il trattamento dei dati
personali secondo il D.Lgs 196/2003