Chiama Ora + 39 0721 30428
Back 

Cancro Pancreatico

Cancro Pancreatico
Il tumore del pancreas è una delle principali cause di morte da tumore. E’ la quarta causa di decessi per cancro negli Stati Uniti, più di 30.000 americani moriranno quest’anno a causa di questa malattia. E 'un tumore estremamente difficile da trattare e poco si sa su che cosa lo provochi. Un fattore di rischio certo per il cancro del pancreas è il fumo di sigaretta; altri collegamenti sono stati fatti con l'obesità, il diabete di tipo 2 e la resistenza all'insulina. In un nuovo studio i ricercatori della Harvard School of Public Health (HSPH) e Dana-Farber Cancer Institute hanno scoperto che la malattia parodontale è stata associata ad un aumento del rischio di cancro del pancreas. Lo studio è apparso il 17 gennaio 2007 nel Journal of National Cancer Institute.

"Il nostro studio fornisce la prima prova evidente che la malattia parodontale può aumentare il rischio di cancro al pancreas. Questa scoperta è di una certa importanza in quanto può fornire alcune nuove intuizioni nel meccanismo di questa malattia altamente mortale ", ha detto l'autore Dominique Michaud, professore di epidemiologia presso HSPH.

La malattia parodontale è causata da un’ infezione batterica ed infiammazione delle gengive che, nel tempo, causano la perdita di osso di sostegno dei denti;la perdita dei denti è una conseguenza della malattia parodontale avanzata. Due studi precedenti avevano trovato un legame tra perdita di denti o parodontite ed il cancro del pancreas. Uno studio comprendeva tutti fumatori e l'altro non teneva conto del fumo nell’ analisi, quindi, non è stato possibile trarre nessuna conclusione definitiva da questi studi.

I dati per un nuovo studio giunsero dal monitoraggio della salute di medici e professionisti sanitari iniziato nel 1986 e comprendente 51.529 uomini americani. I partecipanti hanno risposto a questionari sulla loro salute ogni due anni. Dopo aver analizzato i dati, i ricercatori hanno confermato 216 casi di cancro al pancreas tra il 1986 e il 2002, di questi, 67 avevano una concomitanza di malattia parodontale.

I risultati hanno mostrato che - dopo aggiustamento per età, fumo, diabete, indice di massa corporea ed una serie di altri fattori - gli uomini con malattia parodontale avevano un rischio del 63% più elevato di sviluppare il cancro al pancreas rispetto a quelli che riferivano nessuna malattia parodontale. "La cosa piu’ convincente è stata la nostra scoperta che i non fumatori hanno avuto un aumento di due volte del rischio di cancro del pancreas", ha detto Michaud.

Una possibile spiegazione per i risultati è che l'infiammazione da malattia parodontale può favorire il cancro del pancreas. "Gli individui con malattia parodontale hanno elevati biomarcatori sierici di infiammazione sistemica, come la proteina C-reattiva e questi possono contribuire in qualche modo alla promozione di cellule tumorali," ha detto la ricercatrice.

Un'altra spiegazione, secondo Michaud, è che la malattia parodontale può portare a un aumento della carcinogenesi pancreatica perché gli individui con malattia parodontale hanno livelli più elevati di batteri orali e maggiori livelli di nitrosammine, che sono cancerogene, nella loro cavità orale. Studi precedenti hanno dimostrato che le nitrosammine e l’ acidità gastrica possono svolgere un ruolo nel cancro pancreatico.

Michaud, Charles Fuchs, un oncologo gastrointestinale del Dana-Farber, ed i loro colleghi ritengono che ulteriori studi dovrebbero essere fatti per studiare il ruolo della infiammazione della malattia parodontale nel cancro del pancreas. Rileva tuttavia Michaud che i meccanismi di fondo di questa associazione sono speculativi a questo punto. "Più ricerca è necessaria sia per confermare questi risultati in altri gruppi ed anche per esplorare il ruolo della infiammazione in questo particolare cancro," ha detto la ricercatrice.




Questo studio è stato sostenuto da sovvenzioni del National Cancer Institute.

"Uno Studio prospettico sulla Malattia Parodontale ed il Cancro del Pancreas in sanitari statunitensi," S. Dominique Michaud, Kaumudi Joshipura, Edward Giovannucci, Charles S. Fuchs, JNCI, 2007; 99:1-5

L’ Harvard School of Public Health è dedicata a promuovere la salute pubblica attraverso l'educazione, la ricerca e la comunicazione. Più di 300 docenti sono impegnati nell'insegnamento e nella formazione dei 900 studenti in un ampio spettro di discipline fondamentali per la salute ed il benessere degli individui e delle popolazioni di tutto il mondo. Programmi e progetti vanno dalla biologia molecolare dei vaccini contro l'AIDS all'epidemiologia del cancro, dall'analisi del rischio alla prevenzione della violenza, dalla salute materna e dei bambini alla misurazione della qualita’ di cura e dalla gestione della cura della salute alla salute internazionale ed ai diritti umani. Per ulteriori informazioni sulla scuola visita: http://www.hsph.harvard.edu/


Per maggiori informazioni:
"Correlazioni tra Malattia Parodontale e Cancro del Pancreas." Medical News Today. 19 GENNAIO 2007, http://www.medicalnewstoday.com/releases/60977.php.

Il Dr. Rossini e’ il primo ed il solo clinico abilitato nella Terapia Laser LANAP in Europa. Il Laser LANAP gli consente di trattare la malattia parodontale da moderata a severa senza l’ uso di bisturi e suture. I pazienti sono in grado di ritornare al lavoro lo stesso giorno e la maggior parte riferiscono dolore minimo o nullo.

Il Trattamento Laser Gengivale Che Puo’ “VAPORIZZARE” La Malattia Parodontale!

Se hai gengive sanguinanti, c’e’ una nuova terapia laser che puo’ trattare la malattia parodontale senza incisioni o suture!

Chi Siamo

Preparazione medica ed attenzione alle esigenze dei pazienti: sono i principi che guidano il nostro studio sin dal 1995. Una grande cura - sia dal punto di vista medico che umano - per trovare soluzioni di prevenzione e terapia sempre su misura.

Il Nostro Studio

Il Medico

CHIEDI AL MEDICO

Contattaci!

Dr. Fabio Rossini
Viale Vanzolini, 24
61121 Pesaro, Italy

Orari Studio

Lunedi:  8:30-19:00
Martedi: 8:30-19:00
Mercoledi: 8:30-19:00
Giovedi: 8:30-19:00
Venerdi: 8:30-19:00

Autorizzo il trattamento dei dati
personali secondo il D.Lgs 196/2003